TERRE BIANCHE CUVEE 161 – Sella & Mosca

13,50

Alghero D.O.C.
Terre Bianche Cuvée 161

Vino ottenuto da uve Torbato, vitigno di antica origine oggi coltivato nelle Tenute Sella & Mosca, nel cuore delle Terre Bianche, terreni ricchi di calcare provenienti da millenarie sedimentazioni marine. Al naso si rivela carico di complessità con sentori di macchia, di fiori di cardo, di erbe mature. Il sapore appare subito corposo e severo, con qualche anticipazione di vellutata morbidezza. L’energia acida é in perfetta sinergia con una sapidità minerale che ben sostiene la complessa struttura, ingentilita da una lievissima nota di vaniglia. È vino versatile che ben si presta ad accompagnare molti primi piatti e insostituibile nell’abbinamento con i meravigliosi crostacei del mare della Sardegna.

SCHEDA TECNICA TERRE BIANCHE CUVÉE 161
Classificazione Alghero D.O.C.
Uve Torbato, vitigno di antica origine migrato dalla culla egea alle coste iberiche attraverso le rotte dei mer-canti fenici, introdotto in Sardegna con le dominazioni spagnole, coltivato nelle Tenute Sella&Mosca.
Zona di Produzione Alghero, Tenute Sella&Mosca, nel cuore delle Terre Bianche, terreni ricchi di calcare provenienti da millenarie sedimentazioni marine, capaci di imprimere nelle uve particolare struttura e componenti leggermente aromatiche.
Epoca di Raccolta Il Torbato é un vitigno tardivo la cui vendemmia avviene tra la fine di settembre e la pri-ma decade di ottobre.
Vinificazione Il processo di lavorazione del Torbato, caratterizzato da una particolare struttura compositiva della polpa ricca di elementi fibrosi, avviene attraverso la pratica enologica della macerazione pellicolare, condotta a temperatura controllata sulle uve leggermente pigiate, che consente l’estrazione dei timbri varietali caratteristici di queste uve.
Vinificazione Il mosto ottenuto viene poi illimpidito e avviato alla fermentazione condotta a bassa temperatura per una durata di circa 20 giorni. Un lungo periodo di élevage sui lieviti, unitamente ad una piccola aliquota fermentata in barrique, conferisce struttura, pienezza e volume.
Colore Giallo, tendente nel tempo al dorato.
Profumo Al naso é fresco e delicato, quasi riluttante a farsi cogliere, soprattutto nel suo primo periodo. Ad un approfondimento si rivela carico di complessità con sentori di macchia, di fiori di cardo, di erbe mature.
Gusto Appare subito corposo e severo, con qualche anticipazione di vellutata morbidezza confinata in una evi-denza di retrogusto. L’energia acida é in perfetta sinergia con una sapidità minerale che ben sostiene la complessa struttura, ingentilita da una lievissima nota di vaniglia. Continui sono i richiami alle presenze di flora spontanea dell’habitat sardo coerenti con le sensazioni olfattive.
Grado Alcolico 13,5% vol.
Servizio In calici ampi, alla temperatura di 10-12°C.
Accostamenti al cibo è vino versatile che ben si presta ad accompagnare molti primi piatti e insosti-tuibile nell’abbinamento con i meravigliosi crostacei del mare della Sardegna.
Descrizione

Località I Piani – Alghero

E’ il 1899 quando iniziano gli scavi per bonificare la zona de I Piani caratterizzata da uno strato massiccio di Arenarie, oltre a Trachite e Calcare, che avrebbe impedito il normale sviluppo delle viti. Alcune migliaia di massi di diverse dimensioni sono stati rimossi uno ad uno da macchine avanzatissime per quei tempi.

Oggi di quella vera opera ciclopica restano a ricordo diversi massi di Arenarie utilizzati a scopo paesaggistico che caratterizzano la Tenuta in un modo unico al mondo. Un grande ponte sopraelevato costruito solo con alcune centinaia di queste grandi pietre si erge al centro della Tenuta: dall’alto si può apprezzare l’estensione e il rispetto di alcune aree naturali che ancora oggi convivono con i vigneti.

I Fondatori
Più di un secolo è trascorso da quando due avventurosi piemontesi iniziarono a bonificare le terre sulle quali si estendono oggi gli oltre 550 ha dei vigneti Sella&Mosca. Un paesaggio incantevole, una terra ricca di promesse e l’incontro fortunato di questi due piemontesi amanti dell’avventura, affascinati da una terra incontaminata: l’ingegnere Sella, nipote del famoso statista Quintino Sella, e l’avvocato Mosca. Queste le origini di Sella&Mosca, che all’inizio del secolo trasformò una terra lasciata al pascolo in fertili vigneti, dando inizio alla più prestigiosa produzione di vini in Sardegna.
Chi visita oggi l’affascinante tenuta rivive quella pionieristica atmosfera in un continuo caleidoscopio dell’inizio del secolo scorso in un continuo caleidoscopio di profumi, odori e aromi che esprimono il carattere di questa terra assolata e forte e che tanto contribuiscono alla personalità inconfondibile dei suoi vini. Il rispetto del luogo e della cultura del vino, l’attaccamento alla terra e alle sue tradizioni. Sono le regole trasmesse dai fondatori che da sempre ispirano ogni attività di Sella&Mosca e che ne hanno determinato il successo.

Il Marchio Sella&Mosca
Storia del Marchio di Sella&Mosca, incontro di culture

I fondatori di Sella&Mosca erano attenti conoscitori e appassionati di egittologia, nonchè grandi viaggiatori.
Il logo rappresenta una scena di spremitura riconducibile iconograficamente all’Antico Regno egiziano.
Si presume che il nostro logo sia una riproduzione stilizzata di una scena tratta da un bassorilievo presente nella Mastaba di Mereruka, Visir del FaraoneTeti, a Sakkara, e precisamente nella parte bassa del Muro Nord della Camera A12.
Il Bassorilievo rappresenta cinque uomini che utilizzando due lunghi bastoni, spremono le uve poste all’interno di un sacco facendo in modo che il succo passi attraverso il tessuto e cada nella giara sottostante.

Informazioni aggiuntive
Peso 1.5 kg
Dimensioni 9 × 9 × 33 cm